Soluzioni per progetti di tunnel e miniere

Tecnologia Backfilling

Soluzioni impiantistiche per tunnel e strutture sotterranee.

La tecnica di costruzione del tunnel si è sempre più evoluta nel corso degli anni, con nuove metodologie, soprattutto quando è necessario operare in terreni sciolti con o senza acqua sotterranea.

I metodi di scavo eseguiti con TBM (Tunnel Boring Machine) richiedono una particolare attenzione al completamento di diverse fasi operative ed, in particolare, è molto importante curare la tecnica di riempimento dello spazio anulare tra il rivestimento interno in calcestruzzo e il suolo naturale.

Questa tecnica è definita “Backfilling” e la sua applicazione richiede la preparazione di una MISCELA “Bi-componente”.

Una MISCELA "bi-componente" comune è composta da:

A. Stoccaggio cemento e bentonite su misura

B. Gruppo miscelatore ad alta capacità con sistemi integrati per il dosaggio di acqua e additivi

C. Stoccaggio miscela agitata con gruppo pompe di trasferimento

Parametri principali per la progettazione degli impianti

Grazie alla nostra vasta esperienza nell’ambito del calcestruzzo per la prefabbricazione, le nostre soluzioni vengono sviluppate con particolare riguardo all’innovazione, al fine di ottenere la migliore qualità attraverso la progettazione e l’ottimizzazione dei processi.

Il progetto delle centrali di betonaggio è sempre personalizzato in base ai requisiti specifici del cliente in termini di layout del sito, flusso di processo dello stabilimento e gestione del traffico, oltre che clima e ambiente.

Progettazione di miscele e caratteristiche fisiche.

Caratteristiche geometriche e topografiche del profilo longitudinale del tunnel.

Caratteristiche dei tubi per il trasferimento delle miscele.

Caratteristiche geometriche dello scavo e del rivestimento.

Velocità di avanzamento della TBM e tempi previsti per le varie operazioni.

Condizioni logistiche al di fuori dei tunnel , per gli impianti fissi.

Condizioni logistiche all’interno della TBM.

Sistemi di monitoraggio per apparecchiature e trasferimento di dati.

Durata dei lavori e valutazione del magazzino ricambi e delle attrezzature di riserva.

Principali fasi operative

1.

PREPARAZIONE DELLA MISCELA

Alta produttività del sistema automatico di mescolazione.

2.

STOCCAGGIO DELLA MISCELA

Agitatori di grandi dimensioni.

3.

TRASFERIMENTO DELLA MISCELA

Pompa di trasferimento con portate ad alto flusso e pressioni di lavoro.

4.

INIEZIONE DI MISCELA

Iniettori di miscela piccoli e flessibili.

Unità di mescolazione

PREPARAZIONE DELLA MISCELA
La prima fase, solitamente eseguita all’esterno del tunnel, consiste nella preparazione della miscela fluida con: acqua + bentonite + cemento + additivo ritardante.

Per la sua preparazione, è necessario avere:

L’unità di mescolazione della tecnologia Backfilling Containerizzato o su base skid.

M20

M30

Serbati agitatori

STOCCAGGIO DELLA MISCELA
Una volta confezionata, la miscela primaria deve essere immagazzinata e accumulata all’interno di grandi agitatori che, attraverso alberi con pale di mescolazione e pompe di ricircolo, mantengono in movimento la miscela, pronta per essere trasferita alla TBM attraverso le pompe di trasferimento.

Questa operazione è essenziale per evitare la separazione e l’essudamento (bleeding) nelle miscele ed anche per avere sempre un volume adeguato della miscela pronta secondo i bisogni della TBM.

A15000

Pompe di trasferimento

TRASFERIMENTO DELLA MISCELA
Il trasferimento delle miscele bicomponenti dai buffer di stoccaggio alla TBM avviene attraverso pompe con caratteristiche di portata e pressione adeguate.

I tassi di iniezione sono generalmente basati sulla geometria dei segmenti di scavo e rivestimento, nonché sulla velocità di avanzamento della TBM.

Le pressioni di lavoro, da valutare in base alle portate richieste, sono generalmente dimensionate in funzione del tipo di tubo, del diametro del tubo e dello sviluppo lineare e altimetrico del percorso di scavo della TBM.

Secondo le caratteristiche del progetto, è disponibile una gamma di pompe, sempre considerando la ridondanza con una o più pompe di stand-by da utilizzare in caso di guasti, al fine di evitare con ogni mezzo rallentamenti o interruzioni della TBM.

Clivio CLV12

Massimo funzionamento pressione: 230 bar

Portata massima: 170 l/min

SYNCRO-PUMP

Pompe per grouting

INIEZIONE DI MISCELA
Una volta raggiunta la TBM, le miscele Bi-componente possono essere iniettate sul retro dei segmenti di cemento del rivestimento del tunnel.

Il riempimento di questo vuoto anulare viene effettuato per mezzo di piccoli iniettori, posizionati all’interno delle attrezzature di scavo meccanizzato, in cui i parametri di pressione e flusso possono essere gestiti in modo molto accurato attraverso valvole elettrocontrollate.

MCT Italy collabora con Clivio Srl per la fornitura del tipo ottimale di pompe per grouting, tra le quali le piu adatte a queste applicazioni sono le seguenti: DP / OL4 e ID / OL2.

Clivio DP/OL4

SCHEDA TECNICA

Diametro del pistonemm85
Corsa del pistonemm120
n. Massimo di CorseStrokes p.m.85
Pressione (LP) regolabilebar0 – 40
Portata (LP) regolabilelitre p.m.0 – 30
Pressione massima (CV)bar85
Portata (HP)Litre p.m.9
Aspirazionegas1”1/2
Mandatagas¾”
PotenzakW3
Lunghezzamm750
Larghezzamm500
Altezzamm1600
Pesokg190

Clivio ID/OL2

SCHEDA TECNICA

Diametro del pistonemm85
Corsa del pistonemm125
n. Massimo di CorseStrokes p.m.75
Pressione (LP) regolabilebar0 – 55
Portata (LP) regolabilelitre p.m.0 – 50
Pressione massima (CV)bar90
Portata (HP)Litre p.m.9
Aspirazionegas1”1/2
Mandatagas¾”
PotenzakW5,5
Lunghezzamm1050
Larghezzamm690
Altezzamm1160
Pesokg290

Monitoraggio dei dati e trasmissione

Nella tecnologia dei sistemi di back-filling, i sistemi di registrazione dati non sono più visti come semplici “data-logger” ma come un sistema di gestione elettronico più complesso e interconnesso.

Tutte le apparecchiature, in particolare le unità di mescolazione e pompaggio, sono dotate di sistemi elettronici, collegati e accessibili da un’unica interfaccia remota, con la possibilità di visualizzare in tempo reale i dati e i parametri operativi.

Il sistema di controllo elettronico prevede la trasmissione remota dei dati, in modalità wireless, rendendoli così accessibili da remoto da uffici distanti e da diverse postazioni operative, come il centro operativo TBM.

Il monitoraggio delle unità di pompaggio di solito controlla i seguenti parametri:

Il monitoraggio delle unità di mescolazione di solito controlla i seguenti parametri:

Ci sono domande?

Contattate oggi stesso i nostri specialisti per avere informazioni e soluzioni sul miglioramento della vostra tecnologia del calcestruzzo.







    MCT Italy S.r.l. will process your data for the purposes and in the manner indicated in this Statement.

    * required fields

    Progetti chiave

    Choose your market and language

    Go to

    For North America and Central America

    Language
    Go to

    For African Continent

    Language
    Open chat
    Welcome to MCT Italy, how can I help you?